icon telefono TEL. 3382977607   icon mail info@pasicesaresrl.it

Pasi Cesare Rimozione Amianto
Perche Rimuovere L Eternit A Ravenna
Rimozione Amianto Costi Ravenna Bologna

La rimozione dell'amianto. Una soluzione definitiva

La rimozione dell'Eternit® costituisce un'operazione di bonifica delle coperture industriali o civili definitiva.

Dopo aver effettuato la completa rimozione dell'amianto, l'esposizione alle fibre cancerogene sarà, ovviamente debellata, così come la necessità di attuare specifiche cautele per le attività che si svolgono nell'edificio.

La rimozione definitiva dell'amianto sembra essere la scelta ideale per liberarsi completamente di un problema grave. Tuttavia, anche la rimozione possiede dei lati negativi che coincidono con la pericolosità per gli addetti ai lavori e con la produzione di notevoli quantità di rifiuti contenenti amianto che devono essere correttamente smaltiti.

Per questo motivo, anche per la rimozione, così come per l'incapsulamento e il confinamento, è necessario rivolgersi a ditte autorizzate come Pasi Cesare S.r.l., a Ravenna e Bologna.

La rimozione dell'amianto

La rimozione di una copertura in Eternit è una operazione che può essere particolarmente onerosa, anche in ragione delle notevoli quantità di scorie che vengono prodotte e che dovranno poi essere smaltite.

Lo smaltimento dell'Eternit ha però rispetto a tipi di bonifica come il confinamento o l'incapsulamento, il vantaggio di non richiedere controlli periodici o manutenzioni sugli elementi su cui si è intervenuto.

Per questo l'azienda Pasi Cesare S.r.l. consiglia ai propri clienti di effettuare una rimozione definitiva e lo smaltimento totale, a meno che non ci sia un grande divario economico tra questa tecnica e le altre.

Il maggiore svantaggio della rimozione dell'amianto, risiede nella grande facilità con cui le fibre di amianto possono staccarsi dalla superficie del materiale rimosso così come nelle polveri contenenti amianto che possono essere rilasciate nell'atmosfera circostante.

Per questo motivo deve essere utilizzata la massima cautela in tutte le operazioni effettuate durante la rimozione e lo smantellamento di coperture in Eternit.

Un'altra operazione fondamentale alla rimozione dell'amianto è l'opportuna delimitazione e segnalazione del cantiere, l'interdizione all'accesso ad esso a chi non è autorizzato e l'installazione di linee vita.

Gli operatori che eseguono i lavori, devono inoltre essere protetti da particolari indumenti e altri accessori, che evitano il contatto del corpo con le fibre di amianto e soprattutto ne impediscano la respirazione.

Particolare attenzione deve essere poi posta nell'esaminare le grondaie e i canali di scolo dell'acqua piovana.

In essi, infatti, con il tempo si depositano di solito delle fibre di amianto che possono facilmente liberarsi nell'aria a seguito di sollecitazioni anche modeste.

Quando ciò succede il manufatto di lattoneria in questione deve essere rimosso, dopo essere stato irrorato con acqua nebulizzata, in maniera tale da trasformare le polveri depositate in una fanghiglia inerte, che viene raccolta con palette o altri utensili e riposta in appositi sacchi di plastica.

Prima di ogni rimozione di amianto dalle coperture, comunque, è necessario intervenire con un'operazione di incapsulamento appositi prodotti applicati da pistole a spruzzo. Tali prodotti formano una patina di rivestimento che evita che le fibre di amianto si liberino nell'aria.

Dato che i prodotti incapsulanti richiedono un determinato tempo per l'asciugatura, particolare attenzione deve essere fatta a non camminare su lastre ancora non asciutte, in particolare per evitare pericolosi scivolamenti. Man mano che le lastre di Eternit vengono rimosse, l'operazione di incapsulamento va ripetuta per coprire le nuove parti che vengono così alla luce.

Una volta che i prodotti incapsulanti sono asciutti, le lastre vanno smontate, prestando attenzione a non provocare rotture che potrebbero rilasciare eventuali fibre.

Il trasporto delle scorie

Le lastre smontate devono a questo punto essere preparate per il trasporto.

Se la quantità di Eternit è molto modesta, sarà sufficiente avvolgere le lastre negli appositi teli di plastica, dopo aver incapsulato la faccia delle stesse non ancora trattata.
E' importante che eventuali frammenti di eternit vengano raccolti in appositi sacchetti che ne consentono un trasporto sicuro.

A questo punto il materiale residuo contenente amianto può essere momentaneamente alloggiato in una area temporanea, per poi essere trasportato, assieme ad eventuali altri, nella discarica autorizzata in cui lo si smaltirà.

Il costo di una rimozione perenne

Perché rimuovere l'Eternit da coperture industriali e civili? Semplice, perché la rimozione è definitiva!

Spesso il costo oneroso della rimozione dell'amianto, rispetto alle alternative più economiche come l'incapsulamento e il confinamento, viene recuperato ed ammortizzato, grazie all'eliminazione dei costi di manutenzione ed i controlli periodici.

Grazie ad aziende esperte e specializzate nella rimozione dell'amianto, poi, potrai accedere a sconti e promozioni ed essere costantemente informato sulle detrazioni fiscali collegate alla rimozione dell'Eternit dalle coperture civili ed industriali.

Contatta Pasi Cesare S.r.l.; l'azienda si trova tra Bologna, Ferrara e Ravenna.

StampaEmail

Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzioamento. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la COOKIE POLICY. Continuando la navigazione acconsenti all'uso di cookie.